Giovanni Auricchio

Share:
Share on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterPin on Pinterestshare on TumblrShare on StumbleUponShare on LinkedInShare on RedditDigg thisBuffer this page

About

Questa credo sia la parte più difficile: parlare di me. Parlare di sè stessi è un pò mettersi davanti ad uno specchio, riflettere su quello che sei stato, che sei e quello che vorresti essere. In ogni modo vi dirò un pò di me e della mia passione fotografica. Sono nato all'incirca 35 anni fà, in un paesino vicino Napoli, dove mi sono formato. Dopo essermi trasferito in Umbria mi sono subito innamorato di questa terra, delle distese verdi e del Lago Trasimeno, che sa riservare degli scenari mozzafiato. Qui ho conosciuto anche Elisa, la mia dolce moglie. Ancora lontano da quella che ora è la mia passione. Come per molti, è iniziato tutto per caso: un giorno guardando il mio primo figlio, Saverio, ho sentito il bisogno di immortalare i suoi buffi gesti, i suoi movimenti. Questo mi ha cambiato la vita: mi ha fatto guardare intorno e notare le bellezze che ci circondano, mi ha fatto rallentare. Un volo di gabbiano, un raggio di sole, un'ombra che si allunga al calar del sole e tantissime altre cose. Questo bisogno è in costante aumento, così come il mio desiderio di dare, di fermare il tempo, di raccontare storie con immagini, cosa molto difficile. La fotografia la vedo dappertutto in ogni istante, in ogni angolo, anche di notte, credo a volte di esagerare, ma credo che sia un processo quasi inarrestabile, quello di comporre costantemente foto. Spesso rischiamo di fare delle belle foto ricordo ma non raccontiamo storie. Molte volte nelle mie uscite al mattino, molto molto presto, mi capita di fermarmi davanti ad un'alba e non scattare nessuna foto. Mi piace ascoltare il silenzio, respirare il profumo dell'alba e sentire la rugiada appoggiarsi su di me .... mi sento vivo. Allora la foto non diventa un sterile fermo immagine ma espressione di un sentimento.
“Quando cuore, mente e occhio sono sulla stessa linea ... scatta” (Henri Cartier-Bresson). Mi piace documentarmi, osservare e sopratutto mi piace scattare in amicizia. Odio mantenere la riservatezza fotografica: mi piace condividere ed avere consigli. Ho diversi maestri ispiratori tra cui Steve McCurry, Marc Adamus, Claxton William, Walter Iooss, Russell James, Maciej Duczynski.

-Nel 2011 ho vinto la Canon Eos Adventure Europe , Concorso europero con tema "Impara ad Osservare".
-Ho una galleria fotografica sul sito di Vogue Italia.
-Collaboro con una rivista del settore alimentare “Orizzonte”.
-Alcune mie imagini sono utilizzate per il catalogo del Trasimeno 2013 della Regione Umbria
- Collaboro con una agenzia Americana “Getty Images ” per la distribuzione delle mie immagini -
- Alcune mie immagini sono nella App meteo di YAHOO come sfondo per Tab e Phone


Works

The horse of the mountain

Riders on the Storm

Infinity Route

Comfortably Numb

Crazy Diamond

The reflection of life